Parlo, parlo… nessuno mi capisce

Vi è mai capitato di parlare con qualcuno e di non comprendersi l’uno con l’altro? Un pò quello che sembra descrivere Pirandello nel suo ‘Uno, Nessuno e Centomila’:

“[…] Ma il guaio è che voi, caro, non saprete mai, né io vi potrò mai comunicare come si traduca in me quello che voi mi dite. Non avete parlato turco, no. Abbiamo usato, io e voi la stessa lingua, le stesse parole. Ma che colpa abbiamo, io e voi, se le parole, per sé, sono vuote? Vuote, caro mio. E voi le riempite del senso vostro, nel dirmele; e io nell’accoglierle, inevitabilmente, le riempio del senso mio. Abbiamo creduto d’intenderci, non ci siamo intesi affatto.”

Quali conclusioni possiamo quindi trarre?

Come rendere la nostra comunicazione “efficace” rispetto al nostro interlocutore.

La #comunicazione è una questione affascinante, quanto complessa. Lo scambio di informazioni che avviene nella comunicazione produce una influenza reciproca fra gli interlocutori che ne prendono parte. Questo significa che è importante porre attenzione al #CONTENUTO (ciò di cui parlo) e alla #RELAZIONE (riconoscere e condividere la propria idea in rapporto a chi ho di fronte).

Per quanto riguarda il ‘cosa diciamo‘, cioè il contenuto della comunicazione, alcuni aspetti che possono divenire ‘rischiosi’ sono, per esempio:

  • Il dare per scontato aspetti che scontati non sono… è consuetudine dire patti chiari, amicizia lunga… può in effetti essere più funzionale esplicitare il proprio punto di vista ed essere chiari. Ogni persona ha in fondo la propria esperienza e le proprie abitudini, meglio spiegarsi e confrontarsi una volta in più che prendersela senza che l’Altro non abbia la possibilità di cogliere cosa stia succedendo.
  • Possiamo attribuire #significati diversi per le medesime parole, quindi non diamoli troppo per scontati, soprattutto quando abbiamo a che fare con le questioni che ci stanno molto a cuore.
  • La percezione che nell’interlocutore (anche quando siamo noi a parlare..) si celi un #giudizio negativo verso l’Altro. Così come per noi può essere poco piacevole avere la sensazione che l’Altro ci stia giudicando o svalutando, così può essere anche per le persone che ci circondano.
  • Dimenticarsi che quando si parla e ci si confronta, é questione di #punti di vista, non di opinioni giuste o sbagliate.
  • Il cosa diciamo è utile che si basi anche e soprattutto sulla persona che abbiamo di fronte. Un conto è parlare ad un bambino piccolo: in questo caso il tono della voce e le parole scelte, saranno modulate dall’adulto spontaneamente affinchè la propria comunicazione possa essere ben chiara e compresa dal bambino. Non sempre questo avviene quando si parla tra adulti, tuttavia è importante che ce lo si ricordi. Modulare il proprio tono di voce, le parole scelte, i contenuti da passare all’Altro in funzione di chi ci sta ascoltando, è un passo importante per evitare incomprensioni.

Quest’ultimo punto ci apre la strada su un aspetto alquanto importante; nella comunicazione ci sono diversi livelli che si influenzano a vicenda. Non solo quindi le parole scelte ma anche il modo in cui queste sono dette:

  • Messaggi verbali: ciò che si dice, le parole che scegliamo di usare
  • Messaggi paraverbali: intonazione e modulazione della voce (volume, timbro), pause, ritmi, silenzi…
  • Messaggi non verbali: distanze, contatti corporei, posture e movimenti, gestualità, espressioni del volto, sguardi…

Come si può cogliere quindi, gli aspetti coinvolti nella nostra comunicazione, anche quando chiacchieriamo comodamente a casa o in spiaggia con i nostri amici, sono molteplici e non sempre chiari da cogliere.

Cosa possiamo fare dunque per cercare di rendere una comunicazione una #comunicazione efficace?

  • —Usare un linguaggio non valutativo, cercando di parlare al positivo
  • Facilitare nei nostri interlocutori la sensazione di reciproco rispetto e ascolto, anche quando le loro idee sono diverse dalle nostre, rimanendo disponibili al confronto
  • —Valorizzare il potenziale di ciascun punto di vista, non banalizzando ciò che si ascolta a favore di ciò che diciamo
  • Vivere le differenze come complementari e non come inconciliabili
  • Saper ascoltare e rispettare i turni della comunicazione
  • Usare parole che l’Altro possa comprendere
  • Prestare attenzione non solo a quello che diciamo, anche a come lo diciamo (se dico che mi sto divertendo ma mentre lo dico sto sbadigliando…)
  • Usare un tono di voce che consenta all’Altro di sentire, senza urlare
  • Guardare il proprio interlocutore in viso mentre parla

Questi sono solo alcuni degli aspetti che entrano in gioco quando comunichiamo, che qui si espongono brevemente come spunto di riflessione personale: possono essere il primo, piccolo-grande passo per comprendere cosa possiamo fare per poter avere una comunicazione più efficace.

One Reply to “Parlo, parlo… nessuno mi capisce”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *